BLOG | La variante barlettana dei Coasis

Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 30 dicembre 2016

BLOG | La variante barlettana dei Coasis


In questo blog è stato coniato il termine “Coasis” per fondere il significato di gruppo unito e in particolare relazione con il leader, con la litania dello stesso leader nel ripetere ad ogni occasione le parole “coesione” o “coesi”.

I “Coasis” a Bisceglie li conosciamo più o meno tutti, al comune qualcosa fanno e dal comune qualcosa prendono. Incarichi, organizzazione di eventi, affidamenti di servizi, identificano meglio questa esclusiva categoria sociale cittadina.

L’elenco di questa gente andrebbe ora aggiornato con l’inserimento di qualcuno che viene anche da fuori città. Va detto innanzitutto che la nuova frontiera che l’amministrazione comunale sta praticando per distribuire incarichi ai Coasis si chiama “assistenza al Rup (responsabile unico del procedimento)”, ovvero un affiancamento al dirigente responsabile di una particolare iniziativa del comune.

Un esempio lo abbiamo avuto con la gestione di contenitori culturali a Palazzo Tupputi e Castello Svevo. Non si potrebbe certo mettere in dubbio la competenza di chi è stata scelta con un compenso di oltre 20.000 euro ma è un fatto accertato che la stessa persona faccia parte di quella corrente del Partito Democratico di Bisceglie che spinge in tutti i modi per l’ingresso del sindaco e di altri Coasis nel partito.

È proprio restando nell’area del PD che l’elenco dei Coasis andrebbe aggiornato con persone di fuori paese. “Io lavoro to push up talents” è una iniziativa dall’indubbio valore sociale dove, si legge nelle recenti cronache, «l’obiettivo è il coinvolgimento attivo di giovani risorse del territorio in esperienze professionalizzanti nell’agricoltura sociale, del restauro di pietra e legno, oltre che nei settori multimediali e audiovisivi».

Anche con questa iniziativa si è sentita la necessità dell’assistente al Rup ma l’avviso pubblico di selezione sfugge a tanti, compresa la redazione di Bisceglieindiretta. Alla selezione partecipano in tre. Viene selezionata Rosa Cascella da Barletta perché, si legge nella determina di affidamento dell’incarico, «unica ad aver dimostrato di avere conoscenze e competenze in materia di gestione e rendicontazione di progetti nazionali e comunitari, oltre ad esperienze nei settori di creazione e sviluppo di impresa, di formazione e work experience».

Ma perché Rosa Cascella dobbiamo considerarla una dei Coasis? Perché oltre ad avere quelle competenze descritte nella determina, è una consigliera comunale del Partito Democratico di Barletta, molto vicina a Ruggero Mennea, il consigliere regionale barlettano del Pd che spesso si vede a fianco del sindaco durante le inaugurazioni. È noto come principale sponsor di quella “grande pagina di democrazia” che fu il maxi tesseramento al PD dei Coasis di qualche mese fa.

Altro non si può aggiungere, se non la considerazione che tra ex candidati consiglieri a sostegno del leader che sono risultati vincitori di concorso e assistenti al Rup recentemente selezionate, i Coasis sono evidentemente il meglio di quello che si può scegliere per lavorare al comune.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 30 dicembre 2016