BLOG | La prossima volta fate un gruppo whatsapp

Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 9 giugno 2016

BLOG | La prossima volta fate un gruppo whatsapp


Blog Vito
Ho appreso attraverso i social network, non senza sbalordirmi, l’intenzione di Francesco Spina di sporgere querela per stalking in relazione a un post, corredato di foto, pubblicato sul profilo facebook di Alfonso Russo. Non conosco la giurisprudenza a tal punto da poter esprimere un’opinione sul merito della vicenda. Sono abbastanza grandicello per ricordarmi benissimo della solida amicizia tra i due, purtroppo interrotta (dispiace sempre quando finisce un legame affettivo) per implicazioni di natura politica.

Non comprendo per quale motivo il sindaco abbia avvertito la necessità di rendere pubbliche le sue decisioni in merito a questa faccenda: del resto è stato scelto dai biscegliesi per amministrare la città ed è solo di questo che gli si chiede e gli si chiederà conto fino alla scadenza del suo terzo e ultimo mandato da primo cittadino. Tutte le altre considerazioni, onestamente, le ritengo inerenti la sfera privata. Se nell’esercizio di un ruolo elettivo mi fosse capitata una cosa del genere e avessi riscontrato gli estremi per sporgere querela, mi sarei recato a presentare la denuncia senza scrivere un solo rigo su facebook, perché sono convinto che le risposte pubbliche da fornire nel corso dell’espletamento di un mandato politico siano ben altre. Nel post pubblicato da Alfonso Russo, a causa della mia conclamata ignoranza in materia di automobili, non ho saputo riconoscere il modello del veicolo sul quale sarebbero state puntate le “attenzioni” dei commentatori; ho dedotto altri dettagli esclusivamente a seguito di quanto apparso sul profilo di Francesco Spina e continuo a non capire quale sarebbe l’interesse generale nel diffondere la volontà di presentare una denuncia, a meno che non sia divenuto obbligatorio o di moda annunciare le querele su facebook prima di andarle a sporgere.

Immaginare questo episodio al centro del dibattito politico-amministrativo è grottesco. Bisceglie è una città nella quale i problemi, rispetto al 2013, sono senza alcun dubbio aumentati. La politica, ai diversi livelli di responsabilità determinati dal voto popolare (c’è chi è stato eletto per amministrare e chi per fare l’opposizione; c’è chi supporta gli eletti e chi li pungola) ha il dovere di affrontarli mettendo in campo tutte le competenze e le idee per risolverli.

Se l’argomento clou del confronto politico di un comune di 55 mila abitanti il 9 giugno non è il calendario degli eventi estivi (è tardi, si sarebbe dovuto presentare almeno un mese fa per sperare in un qualche serio riscontro turistico), non è la concreta discussione su un progetto di mobilità sostenibile, non è il fair play finanziario di un ente che fatica a riscuotere alcuni crediti ma al contempo alza ai massimali le aliquote di competenza su alcuni tributi ma è un’immagine risalente a chissà quanto tempo fa che in lontananza ritrae un’auto parcheggiata davanti a un passo carrabile, allora bisognerebbe cominciare a chiedersi cosa non va in noi biscegliesi. La prossima volta fate un gruppo whatsapp. Buonanotte.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 9 giugno 2016