BLOG | Il Fiore e Goldrake

Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 22 ottobre 2016

BLOG | Il Fiore e Goldrake


Mario

Una sera ero in auto, e per attendere che un familiare uscisse e svolgesse una commissione ho dovuto accostare per alcunqi minuti davanti l’ingresso di una ludoteca.

C’era un via vai di adulti, quasi tutte donne, che accompagnavano o andavano a prelevare bambini. Quei minuti mi hanno fatto capire che in questo nostro tempo difficilmente troviamo bambini per strada, difficilmente riusciamo ad avere un contatto anche casuale con loro, con le loro camminate disordinate, con il loro linguaggio sboccato e sconclusionato, le loro improvvise corse sull’asfalto. Se ci sono, non li troviamo più lontano di poche decine di metri dalle loro abitazioni e dalle loro abitazioni, al di là del tempo scolastico, non riescono a stare lontani se non accompagnati da adulti verso qualche luogo al chiuso e protetto, in una ludoteca ad esempio.

Quella della strada che dovrebbe essere maestra di vita o da cui apprendi cose che non insegnano a scuola, è spesso una menata retorica, ma retorica a parte, sembra inconcepibile a generazioni più avanti nell’età come la mia, che i bambini stiano sempre meno per strada. Eppure, come detto, ad accompagnarli in posto concettualmente e fisicamente lontani dalla strada siamo proprio noi nell’esercizio delle funzioni da genitori.

Quanto ci abbia insegnato la strada è difficile dirlo. È però vero che è lo scenario dei ricordi più vividi è proprio quello. Con una variante, però, almeno per me e per un nutrito gruppo di bambini dell’epoca.

Si tratta del Palazzo Fiori o “il Fiore”, che per noi bambini nati negli anni ’70 e residenti nella zona di via XXIV maggio, rappresentava un posto antico e allo stesso tempo magico che resisteva all’aggressione del cemento dei palazzoni costruiti lì proprio in quella epoca. Scalinate, atri, logge, ringhiere, erano il teatro dei nostri giochi.

Con il Fiore si poteva fantasticare su tutto. Il mezzobusto al centro dell’atrio di ingresso per noi raffigurava certamente Federico Barbarossa e al secondo piano c’era un cunicolo da cui emergeva una specie di pozzo e quello era per noi un passaggio segreto che portava direttamente a Castel del Monte.

Uno dei miei amici che abitava proprio al Fiore, si era spinto oltre e convinse tutti gli altri che aveva costruito e custodito la copia esatta di Goldrake (l’eroe dei cartoni animati più famosi dell’epoca) e dei suoi amici robot. Diceva che ce li aveva parcheggiati nei depositi ricavati sotto le due scalinate dell’ingresso. Sebbene le porte di ferro avessero delle aperture che permettevano di guardare all’interno, quei vani erano al buio e noi potevamo solo immaginare la presenza degli eroi di acciaio pronti a difendere l’umanità. Ci eravamo anche divisi il comando e la guida di ciascun robot. Nel frattempo dovevamo accontentarci di sdraiarci sui passamani in pietra per simulare delle operazioni di volo e di battaglia.

Diventando adulti e ricordando quei momenti, viene voglia di saperne di più su quel luogo e a proposito va segnalata una bella ricerca dell’Associazione “Puglia Scoperta” che cita anche la vicenda del muro frontale e i vari appelli affinchè questo venisse abbattuto per restituire la vista completa della bellissima facciata. La ricerca è in rete a questo link http://palazzofiore.wix.com/bisceglie#!

Il mio amico custode dei robot non lo vedo da molti anni. Mi sono ripromesso, quando lo incontrerò, di farmi vedere finalmente questi benedetti robot. Perché la voglia di modificare la realtà, di modellarla ai propri sogni, non può fermarsi solo ai primi anni della vita.

E non va uccisa nemmeno in questo tempo in cui teniamo i nostri bambini troppo lontani dalla strada. È lì che si affronta la realtà, è lì che nascono i sogni per cambiarla.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 22 ottobre 2016