BLOG | Il banale problema della viabilità sul waterfront

BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 11 maggio 2016

BLOG | Il banale problema della viabilità sul waterfront


Mario

mezzopesantesuwaterfront

Foto tratta dalla pagina Facebook “PoliticaMente scorretto”

Va bene, il waterfront è un’opera controversa. Un’area riqualificata sì, ma che lascia molti dubbi sulla sua funzionalità e anche su alcuni aspetti estetici. Il suolo si allaga per un mancato sistema di drenaggio e deflusso delle acque piovane, saltano i tombini ogni volta che piove, quei paletti non si sa ancora a cosa servono, le panchine con forma e disposizione di casse da morto, una zona che non si anima di gente persino quando si organizzano sporadiche manifestazioni.
Ci ragionerei di più invece sulle critiche legate alla viabilità. Qua dobbiamo capirci: quel tratto di strada è stato pensato per essere pedonale. Non dovrebbe nemmeno essere messo in discussione che debba essere così. Ma per i biscegliesi, che magari sono gli stessi che si sfiancano per inutili corsette sul lungomare o spendono soldi per sudare in palestra, muovere il culo per farsi una camminata di poche centinaia di metri costituisce un’impresa gigantesca, un dramma esistenziale, un dilemma atroce.
Si è lasciato aperto al transito veicolare perché si temeva la rivolta dei cittadini con il culo attaccato alla poltrona dell’auto. Dalle auto ai camion e ai mezzi pesanti, il passo è breve. La foto apparsa sui social di un autoarticolato che fa manovra sul suolo lastricato e ristretto dai famigerati birilli, presumibilmente carico di carburante, è l’emblema di un’opera pubblica per la quale si sono spesi milioni di euro senza alcuna programmazione e senza segnare un minimo progresso civile nella comunità. Ecco fatta allora la frittata con la zona che viene immaginata pedonale ma che non è accompagnata da un piano del traffico capace di non intasare la viabilità su altre strade.
Anche se il traffico si riduce semplicemente riducendo l’uso dell’auto, andando a piedi oppure in bici. È una tale banalità che è sconfortante doverlo scrivere e ricordare. Ma ad un culo che non si vuole muovere, non si può che parlare così.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 11 maggio 2016