BLOG | Aspettando un nuovo segno dalla Corte dei Conti

Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 21 aprile 2016

BLOG | Aspettando un nuovo segno dalla Corte dei Conti


Mario
C’è ancora qualcosa da chiedere sulla 167, facendo riferimento a quelle cose “che non si sono capite” su tutta la faccenda, di cui si è parlato qualche mese fa su questo blog.

Ci sono due numeri da considerare: da una parte il 3 e dall’altra il 10.

Il 3 è il numero di anni per i quali il Comune si è impegnato in sede di transazione a pagare gli indennizzi dei terreni espropriati ai proprietari, a coloro cioè che avevano ingaggiato un contenzioso legale per contestare il prezzo al metro quadro inizialmente fissato proprio dal Comune.

Il 10 è invece il numero di anni che il Comune ha stabilito per farsi rimborsare il famoso “conguaglio” dai soci delle cooperative.

C’è dunque una differenza di 7 anni in cui il Comune avrà già anticipato una cospicua somma di denaro (oltre 6 milioni di euro) e per rientrare da questo esborso avrà dall’altra parte decine di debitori che se andrà bene rifonderanno il tutto in un lungo lasso di tempo. Tutto questo senza fideiussioni, senza garanzie. Ma il Sindaco a novembre dello scorso anno aveva dichiarato che le casse comunali dispongono di una “straordinaria liquidità” e che dunque in questo caso si può operare alla stregua di una banca.

Ecco, un’altra cosa che non si è capita è: va ritenuta normale e corretta una simile gestione delle finanze comunali?

Già messa così, la questione suona strana e suscita grosse perplessità sulla tenuta dei conti pubblici. Il prof. Mauro De Cillis, tra gli interessati che hanno dato l’adesione all’accordo, ha raccontato la vana attesa che questi fosse firmato dal Comune. Il pagamento della prima rata era stato stabilito per dicembre 2015, ma non è arrivato nulla. Così come ancora nulla si sa della seconda rata stabilita per maggio di quest’anno. Inoltre, l’accordo è rimasto fermo alle comunicazione dei legali di parte, niente è stato ancora ratificato dall’amministrazione comunale.

Non si tratta di perorare le esigenze di una parte di questo sfibrante contenzioso, la preoccupazione è di come si tengono i conti, di come certi comportamenti inducano ad alimentare la lite giudiziaria con il solito aggravio di spese. Roba da Corte dei Conti, insomma. Che non a caso è stato finora (e sottolineiamo finora) l’unico organo giurisdizionale a bastonare sul serio questa Amministrazione comunale. E se le cose continuano così, non solo per la 167, tornerà ancora a farlo.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 21 aprile 2016