BISCEGLIE CALCIO: CANONICO CI METTE LA FACCIA. ORA TOCCA A SQUADRA E STAFF TECNICO

Sport // Scritto da Vito Troilo // 2 ottobre 2013

BISCEGLIE CALCIO: CANONICO CI METTE LA FACCIA. ORA TOCCA A SQUADRA E STAFF TECNICO


Tifosi biscegliesi a Nardò (foto Emmanuele Mastrodonato per www.forzabisceglie.it)

Tifosi biscegliesi a Nardò (foto Emmanuele Mastrodonato per www.forzabisceglie.it)

Clicca “mi piace” sulla pagina facebook “Festa dello Sport – Città di Bisceglie” con tutte le notizie sullo sport biscegliese, a cura della redazione sportiva di Bisceglie in diretta

Iscriviti al gruppo facebook “Calcio Serie D” con tutte le informazioni e le notizie sul girone H a cura della redazione sportiva di Bisceglie in diretta

Nicola Canonico è un uomo che non si nasconde. Responsabile, presente, lontano dal prototipo negativo del dirigente sportivo italico. Tratta il Bisceglie calcio come un bambino e non come un giocattolo: differenza di stile e spessore.

La prevedibile e comprensibile contestazione dei supporters nerazzurri il martedì successivo all’1-1 di Nardò, unanimemente considerato uno scempio calcistico, è stata sedata dal proprietario del club con poche e misurate parole. Esonerare subito Francesco Bitetto era quanto di più italiano Nicola Canonico potesse fare: avrebbe dato un capro espiatorio in pasto a una piazza che si è fossilizzata sui saltelli a Monopoli quando l’analisi da fare è semmai sul rapporto fra il mister e la squadra, sull’effettivo valore del team confrontato con il livello del girone H di Serie D, sulle eventuali correzioni di rotta che la società intende effettuare. Ancora una volta, Nicola Canonico ha dimostrato di saper gestire con lucidità una situazione difficile, evitando di farsi travolgere dall’emotività.

Il lungo confronto fra società, squadra e staff tecnico si è concluso con una fumata grigia: fiducia a tempo per tutti, unica condizione per risolvere la crisi è battere il Marcianise (che sarà in testa ma non è mica il Real Madrid) sul prato del “Gustavo Ventura” nel confronto di domenica. In caso contrario l’impressione è che non pagherebbe solo Francesco Bitetto: una parte della tifoseria dà colpe anche al direttore sportivo, Emanuele Belviso.

Sarà una settimana delicata per l’ambiente nerazzurro che si concluderà con l’ingresso in campo per il match coi casertani al cospetto di centinaia di spettatori pronti a spazientirsi al primo mezzo errore. Sulle tribune, come già accade nei bar, il gran vociare dei nominativi più adatti per subentrare sulla panchina nerazzurra (ognuno ha il suo anche se uno sembrerebbe mettere tutti d’accordo).

Intanto, per il momento, è Francesco Bitetto l’allenatore del Bisceglie e non va sottovalutato che si tratta dello stesso mister che era in panchina quando la squadra ha giocato bene e vinto 4-1 con il San Severo e 2-1 con il Taranto in Coppa Italia, 1-0 a Vallo della Lucania, che era sul 3-1 con il Taranto, che non ha lasciato tiri in porta al Matera e che avrebbe meritato il pareggio a Monopoli. Giusto concedergli l’ultima opportunità, sbagliato ritenere che con un altro allenatore in panchina si sarebbero fatti sicuramente più di sei punti nelle prime cinque gare.

Canonico, come sempre, ci ha messo la faccia. Ora tocca a squadra e staff tecnico. Chi vivrà vedrà.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 2 ottobre 2013