Bisceglie Approdi: deliberato l’aumento di capitale sociale di 400.000 euro

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 15 ottobre 2014

Bisceglie Approdi: deliberato l’aumento di capitale sociale di 400.000 euro


E’ stato il cda del 10 ottobre a deliberare l’aumento di capitale sociale della Bisceglie Approdi, la spa a quasi totalità di capitale pubblico (solo l’1% delle azioni è in mano ad “Il Bastione”, mentre la restante parte delle azioni è di proprietà del Comune di Bisceglie) che gestisce il porto turistico di Bisceglie.

Un aumento “precauzionale”, spiegava a BiD il presidente dott. Antonello Soldani, perché, sebbene la società abbia ereditato debiti di circa 800.000 euro da precedenti gestioni “allegre”, il 2014 segnerà l’anno del rilancio. L’anno, secondo il presidente, chiuderà con un segno +.

Partiranno così a breve una serie di iniziative per il rilancio del porto e l’aumento dei servizi ai diportisti e una serie di iniziative, in collaborazione con GAL Ponte Lama e GAC Terre di Mare. Tra i prossimi nastri da tagliare, quello del nuovo parcheggio sul bastione San Martino e un “marina resort” in collaborazione con i proprietari dei locali sul porto.  Tutto potrà però accadere solo all’indomani dell’emissione delle nuove azioni, deliberata negli scorsi giorni.

Ora il Comune di Bisceglie e il socio privato, avranno tempo fino al 10 novembre per esercitare il diritto di opzione, ovvero decidere se finanziare l’operazione di aumento di capitale acquistando le nuove azioni oppure lasciare che a rilanciare il porto siano altri.

Nel secondo caso, la Bisceglie Approdi, scaduto il termine dei 30 giorni, lancerà un bando pubblico per la vendita del pacchetto azionario.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 15 ottobre 2014