Azzeramento deleghe, la replica di Fata: «Non c’è trippa per i tirapiedi»

Politica // Scritto da Vito Troilo // 24 ottobre 2015

Azzeramento deleghe, la replica di Fata: «Non c’è trippa per i tirapiedi»


Il vicesindaco risponde alle analisi di alcuni esponenti dell’opposizione assicurando che Spina andrà avanti fino al termine del mandato amministrativo

Inizio della fine di un’esperienza amministrativa, come sostenuto da alcuni consiglieri comunali di opposizione? Nient’affatto, anzi. Vittorio Fata analizza sotto un’altra luce quanto accaduto venerdì: «La revoca delle deleghe ma non del ruolo assessorile non costituisce né una forma di crisi né di rimpasto: è semplicemente l’effetto coerente dell’allargamento della maggioranza (con il nuovo ingresso del consigliere Di Tullio) e il rafforzamento del progetto politico-amministrativo di Spina» afferma il vicesindaco.

«La maggioranza consta oggi di 17 consiglieri su 24: i 3/4 del consiglio comunale, che probabilmente costituisce il più forte modello di stabilità e di unità politico-ammnistrativo negli enti locali italiani. La maggioranza dei 3/4 del consiglio comunale è ricompresa in un unico gruppo consiliare civico: mai nella storia di Bisceglie e forse mai in Italia si è avuto un monocolore civico di tali dimensioni» prosegue Fata.
«Nonostante  sforzi intellettuali interpretativi intensi, Bisceglie si domanda cosa abbia a che fare il ritiro delle deleghe con la ricerca di altri ruoli da parte del sindaco; ai geni che hanno elaborato questa teoria rispondiamo che mai probabilmente nella storia di Bisceglie ci sono stati due anni e mezzo continuativi senza modifiche assessorili o di deleghe, per cui, per chi ha un pizzico di esperienza amministrativa e un minimo “buon senso”, risulta semplice e coerente comprendere che rimodulare le deleghe e le competenze assessorili, persegue lo scopo di motivare maggiormente gli assessori e di perfezionare la macchina amministrativa per il successivo periodo di mandato elettorale».
Molto dura la replica su quanto fatto dall’amministrazione in questa prima metà di mandato: «Sempre ai “tirapiedi”, ricordiamo che è prerogativa del sindaco eletto direttamente dal popolo modellare ed articolare le deleghe assessorili, e che, sempre per volontà del popolo biscegliese, tale prerogativa rimarrà in capo all’avvocato Spina fina alla scadenza del suo mandato nel 2018. Per intenderci meglio, il plebiscitario risultato del 2013 e il monolitico blocco dei 3/4 del consiglio comunale daranno l’opportunità al sindaco Spina di andare avanti nell’attuazione di quello straordinario cambiamento della città che sta portando a Bisceglie ingenti finanziamenti per opere pubbliche, per i servizi sociali  e per nuovi servizi ospedalieri (nuove sale operatorie ecc.). Ai soliti “soloni” che dal 2006 prevedono con la “solita lungimiranza ed intelligenza intuitiva che Spina debba andar via per lasciare spazio ai loro  “progetti di sviluppo” (inceneritori, aumento delle tasse, soppressione ospedale e chi più ne ha più ne metta) rispondiamo dicendo che Francesco Spina non si è mai candidato né alla regione né al parlamento, nonostante tutte le scommesse perse da parte dei suoi avversari,  e continuerà  fino al 2018 a fare il sindaco della città di Bisceglie».
Nessuna crisi all’orizzonte a giudizio del vicesindaco: «Per intenderci, infine, non ci saranno neanche le “idi di marzo” con il solito epilogo notarile tanto caro a chi ha rilasciato oggi la dichiarazione sulla “Gazzetta del mezzogiorno”. La democrazia va rispettata soprattutto quando per ben tre volte si è espressa nel voler continuare a far crescere la città di Bisceglie senza inciuci e logiche affaristiche che hanno prodotto solo un esborso inutile di circa 500.000,00 eruo ai danni dei cittadini biscegliesi» ha concluso Vittorio Fata.
Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Politica // Scritto da Vito Troilo // 24 ottobre 2015