Aperitivo letterario made in Open Source. Oggi il primo incontro con Peppe Arrivo e Lillo Favia

Cultura // Scritto da Cristina Giovenale // 27 marzo 2015

Aperitivo letterario made in Open Source. Oggi il primo incontro con Peppe Arrivo e Lillo Favia


Dopo l’Openbook va in città, oggi il primo dei sette appuntamenti dell’aperitivo letterario

Parte ufficialmente oggi,venerdì 27 marzo, il nuovo evento culturale targato Open Source di Bisceglie con l’aperitivo letterario. Nella location della pasticceria San Peter alle vecchie segherie, a partire dalle ore 19.30, gli autori  baresi Peppe Arrivo e Lillo Favia presenteranno rispettivamente i loro titoli, quali Storie di un operatore sociale (ed. youcanprint) e Come meta il viaggio ( ed. Narcissus).

arrivo_storie_cop_ycp-233x310

La copertina del libro di Giuseppe Arrivo

L’attrice Alice Lattanzi eseguirà il reading dei titoli degli autori intervenuti, invece a moderare l’incontro e a dialogare con Arrivo e Favia ci sarà la formatrice Monica Dal Maso, referente Arci Puglia per l’educazione popolare. Inoltre, in concomitanza della presentazione sarà possibile visionare la mostra fotografica curata e allestita da Raffaella Martorelli negli spazi della pasticceria.

Seguirà, come da programma, la degustazione di un aperitivo offerto da alcune aziende locali che hanno sostenuto l’idea promossa dall’Open Source,di far vivere la cultura a Bisceglie.  Alla realizzazione dell’evento ha collaborato anche l’associazione Made in Blu e Mariablu Scaringella.

Peppe Arrivo, all’anagrafe Giuseppe Arrivo sociologo e scrittore,  nelle pagine del suo libro Storie di un operatore sociale intesse un dialogo con il lettore; con un linguaggio realistico e crudo l’autore condivide, con chi lo legge, i ragionamenti, i dubbi e le difficoltà che incontra nel lavoro l’operatore sociale. “Un operatore sociale, o mette in discussione, con la propria vita, tutto quello che porta alla sofferenza delle persone che incontra, oppure non è, non ha ragione d’esistere“, come si legge nella descrizione del libro.

10376335_1402899393332440_6938342859982439085_nNel libro del musicista e scrittore Lillo FaviaCome meta il viaggio c’è la storia di Max, della sua prematura scomparsa su un binario della stazione Bari-Scalo. Il narratore racconta al lettore dei momenti condivisi con l’amico, dai divertimenti estremi, ai viaggi avventurosi,  alla dipendenza dell’eroina e il momento della disintossicazione. Ma le strade dei due amici si separeranno, Max mette la parola fine alla sua vita, lui il narratore sceglie come meta la strada; in questo errare come senzatetto intraprenderà un viaggio dentro di sè d’indagine spirituale e libertà.

 

  L’11 aprile al frantoio Galantino sarà la volta di : Caro Ulivo ti scrivo

Il prossimo appuntamento con l’aperitivo letterario è sabato 11 aprile alle ore 11.30, nella cornice del frantoio Galantino con il titolo Caro ulivo ti scrivo (ed. Raggio Verde) di Lucia Accoto, Giuseppe Pascali e Maria Pia Romano. Modererà l’incontro Giulia Mastrodonato, dottore di ricerca in pianificazione territoriale. Nel calendario dell’aperitivo letterario ci sono sette appuntamenti che coinvolgeranno di volta in volta diverse location della città. L’evento si concluderà con l’ultima presentazione in programma il 21 giugno. L’ingresso è libero.

Per chi volesse maggiori informazioni può contattare l’Open Source di Bisceglie cliccando qui.

 

 

 

Cristina Giovenale

Chi è Cristina Giovenale

Giornalista pubblicista dal 2009, laureata con lode in Filologia Moderna collabora con Biscegliendiretta dal 2006. Ha lavorato come giornalista per l'ATS-agenzia telegrafica Svizzera e per l'ufficio stampa dell'ambasciata d'Italia a Berna. Ha anche collaborato con il Corriere del Mezzogiorno, dorso pugliese del Corriere della sera.




Cultura // Scritto da Cristina Giovenale // 27 marzo 2015