ANGARANO STUZZICA SPINA: «DOVRÀ ASPETTARE DUE ANNI PER LA TESSERA PD. CONTANO LE REGOLE»

Politica // Scritto da Vito Troilo // 23 febbraio 2016

ANGARANO STUZZICA SPINA: «DOVRÀ ASPETTARE DUE ANNI PER LA TESSERA PD. CONTANO LE REGOLE»

«Qualsiasi cosa gli abbiano raccontato Mennea e Grassi, a decidere saranno gli organi di garanzia a Roma e non quelli regionali»

Intervento di Angelantonio Angarano in risposta a Francesco Spina.

«Il presidente della provincia Bat eletto con il centrodestra e sindaco di Bisceglie, con il triste record di debiti fuori bilancio, oggi si riscopre giurista (proprio come quando promosse il ricorso al TAR sulle quote rose in giunta) e fa un’altra uscita discutibile. Proveremo ancora una volta a spiegargli che ha torto.

L’onorevole Francesco Boccia, come ben sa il segretario generale del comune (sfidiamo il sindaco a far scrivere il contrario) è sempre giustificato (lo dice la legge) quando il consiglio comunale coincide con una seduta della Commissione. E quando è stato assente è sempre stato così. Inoltre, visto che si sta appassionando alla “vita” (democratica) del Pd, gli comunichiamo che l’avvicendamento con la segretaria cittadina, Roberta Rigante, era già deciso da mesi. Ma è evidente che parliamo lingue diverse.

Il PD e gli altri partiti di opposizione presenteranno una mozione contro il modo di amministrare del sindaco. Se avessimo avuto i voti per sfiduciarlo, lo avremmo già fatto. I voti non ci sono ma l’atto politico è chiaro: sarà una mozione semplice e sarà votata dal PD e da coloro che in tutta libertà riterranno di condividerla.

Spina si rilassi. Qualsiasi cosa gli abbiano raccontato Mennea e Grassi, coautori di questa operazione di assalto al PD, che ricorda molto Terlizzi, a decidere saranno gli organi di garanzia del Partito Democratico. La direzione regionale con Emiliano potrà discutere a lungo e votare documenti, ma l’ultima parola sullo Statuto spetta all’organo dei garanti di Roma. È lì che si decide se un’iscrizione è valida o meno. E lì non conta l’arroganza, contano le regole.

Spina dovrà dimettersi da presidente della provincia e aspettare due anni, così come è accaduto per tanti altri prima di lui. E chi nel PD ha raccontato altro, dovrà scusarsi con l’intera comunità democratica».

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Politica // Scritto da Vito Troilo // 23 febbraio 2016