Andria | Rocambolesco arresto nell’agro andriese

Dal territorio // Scritto da Cristina Scarasciullo // 15 ottobre 2016

Andria | Rocambolesco arresto nell’agro andriese

Ai domiciliari per aver rubato venti quintali di olive, il proprietario del terreno ringrazia

Sette uomini sono stati colti in flagrante mentre si appropriavano indebitamente di circa 20 quintali di olive nelle campagne di Andria. I Carabinieri hanno infatti intensificato i controlli nelle zone rurali, visto che la stagione olearia è ormai alle porte.

Allertati da una pattuglia delle Guardie Campestri, hanno sorpreso sette incensurati, pronti alla fuga dopo aver fatto razzia di circa 20 quintali di olive da un appezzamento di terreno di proprietà di una imprenditrice del luogo. A seguito dei controlli effettuati dai militari, i sette sono tutti stati fermati.

Sia le attrezzature che la merce rubata sono state poste sotto sequestro e gli uomini sono stati dichiarati in stato di arresto per il reato di furto aggravato e sottoposti agli arresti domiciliari.

La storia ha un lieto fine, almeno per il proprietario, che, tornato in possesso delle olive rubate, non ha dovuto pagare gli operai. Men che meno ha dovuto noleggiare i costosi mezzi e le attrezzature per la raccolta.

Cristina Scarasciullo

Chi è Cristina Scarasciullo

Cristina Scarasciullo ha conseguito la maturità scientifica presso il liceo "Da Vinci" di Bisceglie, ed è iscritta alla facoltà di scienze della comunicazione presso l'università degli studi di Bari "Aldo Moro". Collaboratrice di Bisceglie in Diretta, coltiva il sogno di diventare una giornalista d'inchiesta fin da bambina. Il suo punto di riferimento è Giancarlo Siani.




Dal territorio // Scritto da Cristina Scarasciullo // 15 ottobre 2016