Al via i lavori di bonifica al tetto d’amianto dell’ex Macello

Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 18 febbraio 2015

Al via i lavori di bonifica al tetto d’amianto dell’ex Macello


Scarica o sfoglia gratuitamente il numero di Bisceglieindiretta dedicato all’Ex Macello: clicca qui

Li avevamo tanto attesi, ma soprattutto li avevano attesi i residenti. I lavori di bonifica del tetto di amianto dell’ex macello comunale sono finalmente partiti. Previsti già dall’ordinanza  n. 67 del 14 aprile 2014, i lavori sulla struttura di via prussiano – da oltre 20 anni in stato di abbandono – sono partiti da alcuni giorni.

eternit1Il primo intervento è stato il prelievo di campioni di cemento-amianto in diversi punti per eseguire l’esame “diffrattometrico” in modo da stabilire la concentrazione delle fibre d’amianto per la successiva collocazione tra le varie categorie di rifiuti. Si sta procedendo ora allo smontaggio delle lastre che deve avvenire evitando il più possibile la rottura delle stesse per annullare la dispersione nell’aria di fibre di amianto.

Le lastre sigillate a tenuta in fogli di cellophane e identificate con appositi marchi saranno smaltite da un trasportatore autorizzato in una discarica dichiarata conforme dalle normative vigenti alla ricezione di tali rifiuti.

L’intervento prevede anche la rimozione e lo smaltimento delle tubazioni rivestite in amianto presenti nell’area.

«Alcuni giorni fa nelle vesti di Presidente della Provincia  – ha dichiarato il sindaco Spina in occasione dell’avvio dei lavori –ho presentato l’adesione alla campagna informativa “Puglia Eternit Free” la prima campagna regionale di informazione sul rischio
amianto promossa da Legambiente Puglia, con il patrocinio dell’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia e con la collaborazione del partner tecnico Teorema Spa. Un’iniziativa mirata alla rilevazione statistica di amianto nelle aree urbane, industriali e agricole, così come disposto dalla legge n. 257/92 e dal Piano Regionale Amianto della Regione Puglia che prevede,
tra l’altro, l’avvio del censimento obbligatorio. La Provincia ha destinato ben 120mila euro di risorse per incentivare i cittadini alla rimozione di manufatti di amianto dalle proprie abitazioni, erogando contributi fino a 5mila euro per ogni singolo intervento. Il Comune di Bisceglie è stato uno dei primi ad aderire alla campagna Eternit Free e l’intervento di bonifica nell’area
comunale dell’ex macello rappresenta un’azione concreta di tutela dell’ ambiente e della salute dei cittadini. Auspico che il percorso virtuoso attuato dal Comune possa essere seguito anche dai privati per eliminare radicalmente e in modo corretto la fibra killer dal nostro territorio, mettendo fine, tra l’altro, all’illegale abbandono di eternit nelle nostre campagne». 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 18 febbraio 2015