Al via, dal 15 maggio, “Un caffè al Centro d’Ascolto” della Fondazione DCL Onlus

Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 10 maggio 2015

Al via, dal 15 maggio, “Un caffè al Centro d’Ascolto” della Fondazione DCL Onlus


A partire dal 15 maggio prende avvio l’iniziativa “Un caffè al Centro d’Ascolto” a sostegno della genitorialità e del disagio minorile

Il Centro d’ascolto, inaugurato il 19 marzo scorso (qui il link), amplia da subito i suoi servizi a favore della comunità cittadina.

Il 15 maggio è previsto il primo di una serie d’incontri che affronteranno la tematica della genitorialità  e del disagio minorile. Il desiderio è quello di offrire un contributo concreto attraverso momenti di sensibilizzazione e informazione su argomenti che riguardino la famiglia nelle sue varie dinamiche.

L’iniziativa che racchiude la rassegna di appuntamenti, in cui si alterneranno vari relatori professionisti pronti a coinvolgere i partecipanti in una tavola rotonda, prende il nome di:”Un caffè al Centro d’Ascolto” .

Venerdì 15 maggio, a partire dalle ore 18:00, sarà Matilde Cafiero, avvocato e mediatrice familiare e dei conflitti, a tenere un dibattito dal titolo: “Anche se ci separiamo, rimaniamo mamma e papà“, basato sulle conseguenze derivanti dalla crisi coniugale nella famiglia.

Il secondo incontro si terrà il 22 maggio con una discussione dal titolo “Quando alimentazione fa rima con educazione” a cura della pediatra Sonia Storelli, dirigente medico di I livello presso il reparto di Pediatria e Neonatologia ASL Bat P.O. Bisceglie.

Il 29 maggio, con la coordinatrice psicopedagogica della Comunità educativa per minori “Nonno Enzino”  Rosalia Gentile, si entrerà nel merito delle piccole, spesso implicite, dinamiche da cui scaturiscono grandi equivoci intrafamiliari. Per meglio spiegare l’argomento, denominato: “E tu che cartone animato sei?” ci si avvarrà di alcuni  stralci di film con cui poter ricostruire un esempio di percorso familiare.

Agli appuntamenti, che si terranno tutti presso la sede del Centro d’Ascolto sito in via Michele Rana 9, sono invitati  gli addetti ai lavori, le istituzioni e soprattutto i genitori.




Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 10 maggio 2015