ADDIO MENNEA: IL RICORDO DI CHI L’HA CONOSCIUTO

Sport // Scritto da Vito Troilo // 21 marzo 2013

ADDIO MENNEA: IL RICORDO DI CHI L’HA CONOSCIUTO


Anno 1985. Pietro Mennea e Tonio Rossi

Anno 1985. Pietro Mennea e Tonio Rossi (si ringrazia Tonio Rossi per la gentile concessione)

Addio a Pietro Mennea, mito dello sport

TUTTI I RISULTATI DELLO SPORT BISCEGLIESE NELLA SEZIONE CIFREdiSPORT

La notizia della scomparsa di Pietro Mennea ha provocato reazioni di cordoglio e sincera commozione in tutto il mondo. Sono tanti, però, i biscegliesi che lo hanno conosciuto, si sono allenati con lui da giovani, seguendone la formidabile carriera con affetto e partecipazione. Inevitabili, i punti di contatto fra la freccia del sud, la sua Barletta e lo sport di Bisceglie.

Natale Monopoli, ex campione italiano di salto triplo, ricorda il suo primo incontro con Mennea: “Il mio primo raduno a Formia, avevo 15 anni. C’era un’atleta in prima corsia che correva come il vento. Il suo allenatore, su una lambretta, lo precedeva di pochi metri dettandogli i tempi delle prove.
Fu una giornata speciale per me, ero a pochi metri dal campione mondiale dei 200, mio conterraneo, dai modi schivi ma gentili. Un esempio di umiltà e sacrificio che mi ha accompagnato per tutta la carriera. Grazie Pietro, un abbraccio!”

Eusebio Haliti, promessa internazionale dei 400 metri, è costernato: “Mi dispiace tantissimo aver appreso questa notizia. Non ho mai avuto occasione di conoscerlo bene perché in questi ultimi anni è stato molto impegnato nelle grandi città piuttosto che in Puglia. L’ho incrociato in alcune manifestazioni alle quali ha partecipato e l’accoglienza che ogni volta il pubblico gli tributava era da pelle d’oca”.

Bello il ricordo di Nicola Mallardi: “Erano gli anni ’70 e mi allenavo con lui al vecchio stadio comunale di Barletta con la pretesa di diventare un grande velocista, ma lui era sempre il più forte! Un pezzo importante dei miei ricordi scolastici all’istituto Cassandro. Orgoglioso di essermi allenato con un grande campione e un grande uomo. Ciao Campione!”

Andrea Chiriatti, guardia dell’Ambrosia Basket, come tutti i giovani barlettani è cresciuto vivendo il mito: “Ciao Pietro, orgoglio dello sport italiano e barlettano”. Barletta, la sua città, è commossa, incredula.

Bellissimo il ricordo di Tonio Rossi, che ha pubblicato una foto d’annata in compagnìa del grande campione: “Ho avuto il piacere di conoscerlo nel lontano 1985. Molto disponibile, anche se terribilmente timido! Un grande che ci lascia!”

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 21 marzo 2013