Accusato di tentata violenza sessuale, gli concedono le attenuanti

Cronaca // Scritto da Grazia Pia Attolini // 20 giugno 2014

Accusato di tentata violenza sessuale, gli concedono le attenuanti


violenza_donne

La condanna è di un anno di reclusione. Ma il tribunale sospende condizionalmente la pena. 

Tribunale di Trani. Si è svolta giovedì 19 giugno l’ultima udienza sul caso della presunta violenza sessuale a danno di una 53enne biscegliese.

La Procura ha chiesto che l’imputato fosse condannato alla pena finale di 3 anni e mesi 6 di reclusione. Tuttavia il tribunale, accogliendo parzialmente le richieste dei difensori dell’imputato, Pietro Casella e Luca Preziosa, ha riconosciuto l’attenuante del caso di minore gravità e le attenuanti generiche, condannando il giovane a un anno con il beneficio della sospensione di pena.

Il fatto e le indagini

Agosto 2013. Un ventiquattrenne tentò di abusare di una donna di 53 anni che stava tornando a casa, sita nel quartiere Sant’Andrea, dopo aver fatto la spesa in un supermercato del centro. Esposta denuncia presso la tenenza dei carabinieri, il giovane, identificato grazie alle indicazioni somatiche fornite dalla vittima, era stato arrestato a distanza di pochi mesi dal fatto (13 novembre), su richiesta del pubblico ministero Simona Merra.

A dicembre, tuttavia, il presunto violentatore era passato agli arresti domiciliari, concessi dal tribunale della Libertà di Bari, presieduto dalla dott.ssa La Malfa (2 dicembre). I suoi avvocati giustificavano l’impugnazione dell’ordinanza di custodia cautelare sulla base della scarsa attendibilità delle dichiarazioni della persona offesa, unico elemento indiziario, non sufficiente, quindi, a fondare un giudizio univoco di colpevolezza a carico del ragazzo.

Sviluppi

Oggi il caso non si può dire ancora concluso. Le motivazioni della sentenza si avranno a settembre, momento in cui i difensori, conosciute le ragioni di merito del provvedimento del tribunale, valuteranno l’opportunità di impugnare la sentenza davanti alla corte d’appello di Bari.

Grazia Pia Attolini

Chi è Grazia Pia Attolini

Giornalista pubblicista, laureata in Lettere moderne, sta completando gli studi universitari in Filologia Moderna. Attualmente è in Servizio Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile e si occupa di comunicazione, social media, stampa, diffusione della conoscenza. Redattrice di Bisceglie in Diretta dal 2010, ha ricoperto anche la carica di segretario di redazione. Ha collaborato con Radio Centro e si occupa della presentazione di eventi e incontri culturali. Responsabile della comunicazione dell'associazione Giovanni Paolo II, intervista personalità di spicco del Vaticano, del mondo dello spettacolo e della società civile. Attiva nel sociale e nel volontariato, è anche capo scout.




Cronaca // Scritto da Grazia Pia Attolini // 20 giugno 2014