Accreditamento delle strutture trasfusionali, Caracciolo incalza l’assessore alla sanità: «Subito il punto della situazione»

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 6 dicembre 2014

Accreditamento delle strutture trasfusionali, Caracciolo incalza l’assessore alla sanità: «Subito il punto della situazione»


Maurizio Friolo, consigliere regionale brindisino di Forza Italia

Maurizio Friolo, consigliere regionale brindisino di Forza Italia

I consiglieri regionali Filippo Carracciolo e Maurizio Friolo, componenti della Commissione Sanità, hanno presentato nella giornata di venerdì una richiesta congiunta affinché sia convocata con urgenza un’audizione con l’assessore regionale alla sanità Donato Pentassuglia in merito allo stato di accreditamento delle strutture trasfusionali ospedaliere e dei punti di raccolta associativi a supporto.

«In virtù dell’entrata in vigore della nuova normativa il termine ultimo per l’accreditamento delle strutture della rete di raccolta sangue è il 1° gennaio 2015. Abbiamo inoltrato la richiesta di convocazione urgente di audizione in commissione. Nel corso dell’ultimo incontro del 20 ottobre, alla presenza dell’assessore alla sanità, si è convenuto con tutti i componenti della Commissione di aggiornare la riunione entro fine novembre per dare nel frattempo il tempo necessario agli uffici dell’assessorato alla sanità di verificare lo stato dell’arte delle strutture trasfusionali pugliesi e fare il punto sulla situazione provincia per provincia» afferma Filippo Caracciolo, che aveva già sollecitato l’assessorato a intervenire nel mese di luglio.

Scade il 1° gennaio il termine per l'accreditamento delle strutture idonee alla raccolta di sangue

Scadrà il 1° gennaio il termine per l’accreditamento delle strutture idonee alla raccolta di sangue

«Ho chiesto che fossero ascoltati in Commissione i responsabili delle associazioni di raccolta per raccogliere anche i contributi di chi opera nel settore ed è quotidianamente impegnato sui territori. Grazie all’impegno dei volontari sinora in Puglia siamo sempre riusciti a rispondere alle esigenze della popolazione ed a soddisfare le necessità del sistema sanitario regionale.

Ora non c’è più tempo da perdere e bisogna agire in fretta. Nelle ultime settimane infatti registriamo le crescenti preoccupazioni dei territori allarmati dalla dispersione del patrimonio dei donatori.

Perciò ci auguriamo che presto l’assessore Pentassuglia rispondendo alla nostra richiesta di audizione possa riportare informazioni in grado di riportare un clima di serenità in relazione allo stato di accreditamento delle strutture trasfusionali ed in generale sulla rete di raccolta sangue in Puglia» conclude l’esponente del Partito Democratico.

Filippo Caracciolo

Filippo Caracciolo

Secondo le ultime indiscrezioni, le probabilità che l’ospedale civile di Bisceglie e la locale sezione Avis ricevano l’accredito sarebberoo molto alte. Entrambe le strutture avrebbero tutte le carte in regola per rispettare i criteri stabiliti dalla nuova normativa.

Un po’ meno rosea sarebbe la situazione di altri centri trasfusionali sul territorio della sesta provincia, che potrebbero non ottenere l’accreditamento. In caso ciò dovesse avvenire è probabile che si proceda alla di un commissario individuato dal ministero della salute per gestire ciascun centro di raccolta che non dovesse rientrare nelle maglie delle nuove regole. In questo modo, attraverso una deroga, il sangue raccolto in quei contesti sarebbe comunque conservato, evitando il rischio dispersione. Non rimarrà che attendere gli sviluppi dell’incontro in Commissione Sanità.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 6 dicembre 2014