A TEATRO DALL’OPENSOURCE

Cultura / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 10 febbraio 2013

massimo zaccariaL’unità d’Italia, per i meridionali, è un evento da festeggiare davvero? O si è trattata, piuttosto, della conquista, da parte del Nord, del Sud, delle sue ricchezze, delle sue storie, della sua cultura? A 153 anni dalla nascita dello Stivale, la domanda lascia ancora discutere meridionalisti e storici impegnati nella ricerca della verità dei fatti.

E ora la storia, quella vera, giunge sul palcoscenico dell’Open Source che, questa sera, domenica 11 febbraio, accoglierà “La confessione”, spettacolo di  Massimo Zaccaria e Dario Lacitignola prodotto per il Teatro Folletti e Folli di Ostuni alle ore 21.00.

Tramite la storia di Carmine Donatelli Crocco e dei suoi suoi ultimi giorni, la “confessione”, da parte del protagonista a sua madre,  di un passato che si incrocia con la storia e va indietro nel tempo, sino alla nascita del brigantaggio e della questione meridionale.

Consulenza storica Giovanni Tanzarella. Con Massimo Zaccaria, per la regia di Dario Lacitignola.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 10 febbraio 2013