A Libri nel Borgo Antico 2016: “Un tempo si diceva…”

Libri nel borgo Antico // Scritto da Elisabetta De Mango // 27 agosto 2016

A Libri nel Borgo Antico 2016: “Un tempo si diceva…”

La tradizione raccontata dai ragazzi della “Battisti-Ferraris”

La prima opera presentata al Castello Svevo nella serata di apertura della rassegna “Libri nel Borgo Antico 2016” è stata “Un tempo si diceva…”.

Non un libro per ragazzi, ma un libro dei ragazzi: sono stati loro, difatti, durante lo scorso anno scolastico, a dare vita, dietro la guida scrupolosa delle docenti Marisa Contò e Lucrezia Di Molfetta, a questa raccolta in vernacolo.

Un’esperienza scolastica formativa che ha permesso agli alunni in uscita della classe 3L della scuola secondaria di primo grado “Battisti-Ferraris” di Bisceglie, sia di avvicinarsi alla lettura sia di riscoprire le loro radici. Momenti significativi hanno scandito il lungo periodo di lavoro: l’organizzazione didattica e operativa con gli insegnanti; la raccolta dei materiali attraverso interviste a nonni e parenti più anziani; la stesura del testo ed infine la sua presentazione di fronte ad un folto pubblico.

I ragazzi, con la voce rotta dall’emozione che ha reso ancora più genuina questa presentazione, hanno declamato modi di dire e proverbi rigorosamente in vernacolo ed hanno intonato canzoni della tradizione biscegliese come “Tingh n mart long e tes oilè” e “La bella Popn”.

“Un tempo si diceva …” è un volume dove sono custoditi motti, proverbi, storielle e canti folkloristici biscegliesi, tutte tracce del nostro passato che andrebbero salvaguardate e conservate gelosamente poiché, come ha specificato la Dirigente Maria Sciancalepore: «Quando un anziano muore, è una intera biblioteca che brucia».

Strutturata come una rubrica, dal carattere volutamente non esaustivo per permettere a chiunque volesse di aggiungere il proprio contributo, la raccolta è stata apprezzata da Leo Carriera, presidente Confcommercio Bat, che si è offerto di pubblicarla rendendo possibile la sua diffusione sul territorio.

Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto a Simona, un’alunna che durante l’anno scolastico 2014/2015, è stata colpita da un improvviso malore e tuttora necessita di costose cure mediche.




Libri nel borgo Antico // Scritto da Elisabetta De Mango // 27 agosto 2016