PD IN CONGRESSO: RESOCONTO DELLA PRIMA GIORNATA

Politica // Scritto da Serena Ferrara // 27 ottobre 2013

PD IN CONGRESSO: RESOCONTO DELLA PRIMA GIORNATA


526504_10202547481631139_765518802_n620 iscritti: a Bisceglie è boom di preferenze per il Partito Democratico, riunitosi, dopo lunghe incertezze, in un congresso cittadino a lungo atteso, a lungo sperato sabato 26 ottobre.

A comunicare il dato, Michele Dalla Croce, che ha pronunciato, per l’ultima volta da commissario sezionale,  parole rincuoranti circa il futuro del Partito Democratico a Bisceglie. Un discorso di fine mandato molto apprezzato dagli iscritti (presenti, solo gli over 50 e in tutto tre donne), riuniti in quel di Santa Croce per presentare i due candidati segretari su cui sono convogliate le preferenze degli attivisti: Roberta Rigante, per l’area di Boccia e Angarano e Gianpietro Losapio, per la mozione “Il Pd che vogliamo”,  i due candidati alla segreteria del partito.

Presenti al congresso, sia il presidente del consiglio comunale Franco Napoletano, che non è però intervenuto (a porgere i saluti per il Pdci, è stata invece Alessandra Luccarelli), sia le delegazioni di Sel (pozzolungo), Idv (Victor Mastrodonato). Fondamentalmente allineati Sinistra Ecologia e Libertà ed Idv, che nell’augurare un buon lavoro agli iscritti, hanno fatto leva sui concetti di centrosinistra unito sull’onda lunga di quanto accaduto in occasione delle ultime amministrative e rinnovamento. “Spero – ha concluso Pasquale Pozzolungo (SEL) – che il Pd impari ad avere più stima di sé, senza cercare a tutti costi di appoggiare chi al partito non appartiene”.

Chiaro, il riferimento alla corrente “il Pd che vogliamo”, che spinge nella direzione di un riavvicinamento con la maggioranza consiliare, laddove l’altra corrente ha adottato esattamente la strategia opposta. Quella delle larghe intese, dei dialoghi con le forze di opposizione Pdl e Dc in vista dei consigli comunali, condannati senza mezzi termini da un iscritto storico come Nicola Mallardi, che nella sua arringa pro-Losapio ha dichiarato: “in consiglio comunale non è importante solo cosa votare, ama anche con chi votare. Sono fondamentali le alleanze, ed io non mi sento rappresentato da chi fa l’opposizione con la destra”.

1394472_10202547480391108_1667524081_nQuanto ai due candidati, entrambe le mozioni sono partire da una consapevolezza: il  compito del nuovo segretario  sarà quello di fare sintesi all’interno del partito, restituire il giusto senso all’aggettivo “democratico” (sinonimo di includente e non di miscuglio disordinato), consegnare alla città una immagine unitaria del PD e mettere i consiglieri comunali in carica in grado di rappresentare la sezione. Rispetto al come realizzare tali obiettivi, le differenze sono però lampanti. Se per Losapio, chi siede nel consiglio comunale “rompe al centro  e chiude a sinistra, cosicché si ritrova isolato perché tende ad escludere chi la pensa diversamente”, per Rigante “fino ad oggi si è lasciato tutto l’onere di occuparsi della città a chi ha coperto il ruolo di consigliere. Serve invece che la responsabilità sia condivisa da tutto il partito, che vi sia l’orgoglio di sedersi a tavolino e costruire insieme strategie di azione”.

 Tanti, gli interventi dal pubblico, tra cui quelli di Francesco Boccia e Angelantonio Angarano, apparsi francamente in minoranza (almeno sul numero delle arringhe pro- Rigante) rispetto alla corrente pro- Losapio.

La parola spetta però alle urne, che consegneranno i risultati del congresso cittadino entro la sera. Già da domani, la strada del Partito Democratico, locale e provinciale, tornerà ad essere in salita. All’insegna di una ricostruzione che vuol portare il partito alla vittoria alla scadenza delle prossime amministrative.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Politica // Scritto da Serena Ferrara // 27 ottobre 2013