167, IL SINDACO SPORGE DENUNCIA CONTRO IGNOTI

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 15 ottobre 2013

167, IL SINDACO SPORGE DENUNCIA CONTRO IGNOTI


Zona 167 [foto:Giuseppe Rana]

Zona 167 [foto:Giuseppe Rana]

Il sindaco Spina sporge denuncia contro ignoti, per “procurato allarme sociale, diffusione di notizie destituite di ogni fondamento e, per giunta, senza specificare chi ne sia l’autore“.
Il caso, caldissimo a seguito delle sentenze della Corte d’Appello di Bari, n.1164 e 1171 del 2013, è quello della zona 167.
500 circa le famiglie sul piede di guerra, che avrebbero dovuto incontrare il primo cittadino domenica 6 ottobre e che, saltato il colloquio, si erano organizzate autonomamente per incontrarsi il 20 ottobre.
Obiettivo: scongiurare l’applicazione delle misure di indennizzo a conguaglio (ben 195 €/mq, la stima dei suoli espropriati per edificare la zona 167 più gli interessi maturati dal ’97, per i proprietari degli immobili ricadenti nelle maglie interessate, a fronte dei 71,15 €/mq stabiliti ed approvati dal Consiglio Comunale di Bisceglie con delibera n. 10 del 30 marzo 2009) che gli avvocati dei proprietari dei terreni espropriati sono riusciti a spuntare sui terreni dei germani  Leuci e Sinigaglia.
Obiettivo numero due, la costituzione di un comitato di quartiere per la gestione “in house” di raccolta differenziata, manutenzioni e altri servizi e fare il punto della situazione sulle sentenze e i ricorsi in corso.
Ma il volantino di convocazione dell’incontro diffuso in tutti i portoni della 167, ha messo in allarme il primo cittadino, che nel primo pomeriggio di oggi, martedì 15 ottobre, si è recato presso la locale Caserma dei Carabinieri di Bisceglie per presentare un formale esposto-denuncia contro ignoti.

«Ho voluto denunciare personalmente questi sciacalli che tentano di strumentalizzare una vicenda amministrativa ancora lungi dall’essere vicina alla conclusione – spiega il sindaco Spina – per destabilizzare interi nuclei familiari in un momento in cui le cronache giornalistiche sono purtroppo piene di gesti di disperazione».

«E’ immorale – prosegue il Sindaco – oltre che fuori legge, far stampare dei volantini privi di qualunque indicazione del loro committente, con il solo scopo di diffondere tra le famiglie biscegliesi la paura di dover pagare una cifra altissima che il Comune di Bisceglie non ha mai chiesto né alle famiglie, né ai presidenti della cooperative».

«Ho invitato – ha aggiunto il Sindaco – le forze dell’Ordine ad agire con la massima tempestività per perseguire questi avvoltoi che stanno utilizzando la vicenda per finalità che sono chiare a tutti e che non hanno nulla a che vedere con gli interessi delle famiglie che vivono nella 167».

«La situazione attuale della 167 – precisa Francesco Spina – è identica a quella di 15 anni fa. Il sottoscritto è impegnato da anni a correggere una errata programmazione economica (e gli effetti delle variazioni di legge intervenute successivamente in materia di espropri) avvenuta in quegli anni per consentire l’attuazione dell’interesse alla casa dei biscegliesi senza far ricadere i danni di quegli errori sugli assegnatari degli alloggi. Proprio nei giorni scorsi ho proposto una impugnazione della sentenza in Cassazione, con l’avv. Prof. Giorgio Costantino per annullare una sentenza della Corte d’Appello di Bari emessa sulla base di una normativa ormai abrogata».

«Al momento – insiste il Sindaco -, è del tutto falsa ogni notizia di presunti pagamenti a carico delle famiglie. Ed aggiungo che se qualche millantatore dovesse chiedere il versamento di somme di danaro i cittadini potranno denunciare il fatto rivolgendosi direttamente anche al sottoscritto come Sindaco della città».

Lodevole l’impegno del primo cittadino affinché non ricada sulle famiglie quanto il Comune dovrà a conguaglio degli indennizzi ai proprietari dei suoli. La domanda, adesso, è la seguente: dove il Comune troverà i fondi utili, senza ingessare i bilanci comunali dei prossimi anni, per risolvere una questione lungi dall’essere conclusa?

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 15 ottobre 2013